Mutuo prima casa: conto alla rovescia per chiedere la sospensione

Il conto alla rovescia è ormai iniziato. Scade giovedì 31 gennaio il termine per richiedere la sospensione del mutuo prima casa.  Si tratta di un provvedimento che rientra nelle iniziative previste per il Piano famiglie, frutto di un accordo tra ABI e associazioni di consumatori che permette la sospensione del mutuo per una durata massima di un anno.

Tale sospensione si applica ai mutui ipotecari destinati all’acquisto, la ristrutturazione della prima casa e vale sia per i prestiti concessi in tasso fisso che per quelli concessi in tasso variabile. Occorre tuttavia ricordare che gli elementi che fanno acquisire il diritto di usufruire della concessione, vale a dire la perdita del lavoro o l’ingresso in cassa integrazione, devono riferirsi al 31 dicembre 2012.

Per maggiori approfondimenti si consiglia la lettura dei seguenti articoli già pubblicati sul portale: Mutuo prima casa: come estinguerlo prima della scadenza e Mutuo prima casa: come ottenere la sospensione dal pagamento delle rate. Entrambi gli articoli forniscono informazioni utili per la gestione del mutuo prima casa in caso di difficoltà. 

Quali sono i criteri per ottenere la sospensione

Mutuo prima casa: conto alla rovescia per richiedere la sospensione

Mutuo prima casa: conto alla rovescia per richiedere la sospensione

Secondo quanto stabilito dal piano famiglie, che ha introdotto la possibilità della sospensione,  il ritardo nel pagamento delle rate non deve superare i 90 giorni e la sospensione non può essere concessa se si è usufruito, in precedenza, di uno stop nel pagamento. Il mutuo, inoltre, non deve superare il valore di 150 mila euro ed il contraente deve avere un reddito imponibile non superiore ai 40mila euro.

Banca che vai, regole che trovi

Ogni banca, nel rispetto della norma generale, applica criteri diversi. Bnl, per esempio, ha deciso di non applicare il limite del reddito mentre la Banca Popolare di Vicenza ha inteso voler prolungare il periodo di sospensione fino a 18 mesi.

 

Pubblicità