Ravvedimento operoso imposta di registro calcolo: No multe e salassi!

Ravvedimento operoso imposta di registro calcolo

I controlli dell’Agenzia delle Entrate sono precisi e severi, eventuali errori o mancanze vengono segnalati ma essendo gli atti di controllo amministrativo lunghi e complessi si corre di pagare interessi e salassi di interessi per i tempi troppo lunghi definiti anche “tecnici”. Meglio controllare bene i calcoli di imposta, di bonus fiscali ed esenzioni, evitare ritardi e comunque sempre controllare e chiedere verifica. Il ravvedimento operoso imposta di registro calcolo si deve effettuare quando effettivamente ci si rende conto di aver saltato qualche somma o aver pagato in ritardo. Nel caso dell’imposta di registro acquisto prima casa trovate molti riferimenti negli articoli precedenti e tuttavia vi presentiamo questo piccolo riassunto.

L’imposta di registro prima casa viene applicata a tariffa ridotta quando l’appartamento rispetta determinati requisiti catastali, ubicativi e patrimoniali. Inoltre i richiedenti devono rispettare requisiti patrimoniali e reddituali soprattutto quando alla richiesta del bonus viene associata l’accensione di un mutuo garantito dallo Stato. Eventuali errori e mancanze possono portare alla decadenza delle agevolazioni prima casa e quando accase bisogna saldare quanto non versato per il fisco applicato sulla compravendita immobili ordinaria. 

Ravvedimento operoso imposta di registro calcolo

Ravvedimento operoso imposta di registro calcolo

Ravvedimento operoso imposta di registro calcolo

Il ravvedimento operoso imposta di registro calcolo viene effettuato quando il contribuente dichiara personalmente eventuali mancanze, ritardi e omissioni. Dopo la dichiarazione di responsabilità e l’autocertificazione dei calcoli da riffettuare l’Agenzia delle Entrate ricalcola l’imposta tenendo conto del saldo eventuale da pagare e dei giorni di mora da considerare. C’è da dire che nel caso dell’acquisto prima casa è difficile incorrere in errori di calcolo imposta di registro, in quanto a pagare per noi l’importo è il notaio al momento della registrazione del rogito, tuttavia eventuali inesattezze riportate e non verificate per mancate documentazioni possono rendere possibili errori e mancanza, ma soprattutto si corre il rischio di inesattezza nel caso di acquisto e successiva vendita. Il ravvedimento operoso imposta di registro calcolo è legato ai tempi di presentazione, in caso di omissione entro 90 giorni si paga una mora di sazione del 12% ed entro un anno del 15%, la base imponibile è l’imposta dovuta. Si consiglia di leggere la nota dell’Agenzia delle Entrate per ulteriori informazioni.

Pubblicità