Ristrutturazione bagno costo da detrarre nella dichiarazione dei redditi

Ristrutturazione bagno costo agevolato per la manutenzione straordinaria

Gli sgravi fiscali relativi al bonus ristrutturazioni sono applicabili anche se si eseguono lavori di ristrutturazione bagno permettendo di alleggerirne il costo finale. I cittadini che decidono di eseguire i lavori di ristrutturazione sulla prima casa possono avere accesso alle detrazioni fiscali avendo così la possibilità di accedere al bonus a cui far richiesta  al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi, compilando le apposite voci presenti sia nel modello Unico sia nel modello 730: ed infatti nella domanda sono destinati degli appositi riquadri che interessano gli immobili. La specifica normativa che regola la materia delle agevolazioni fiscali sulla ristrutturazione di un immobile è stata più volte modificata ed in base agli ultimi decreti pattuiti dalla legge n. 147/2013, che riguarda la legge di Stabilità 2014, è stata stabilita una proroga fino al 31 dicembre 2014 in base alla quale si ha la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef, su un tetto massimo di 96.000 euro per unità immobiliare, mentre per le spese che saranno sostenute nel 2015 la spesa massima prevede una detrazione del 40%. Nello specifico il singolo contribuente ha diritto a detrarre annualmente la cifra che gli spetta in base all’Irpef da versare per l’anno in questione. Per maggiori informazioni si rinvia all’articolo Spese ristrutturazione casa:  le detrazioni.

Lavori di manutenzione straordinaria

ristrutturazione bagno costo

ristrutturazione bagno costo

Si può beneficiare del bonus ristrutturazione casa se si eseguono interventi di sostituzione di impianti e apparecchiature nei bagni presenti nell’immobile oppure se si realizzano dei nuovi servizi di tipo igienico interno. Si può applicare l’agevolazione fiscale quindi se si avviano interventi di rifacimento degli impianti del bagno, se i lavori includono la ristrutturazione dell’impianto idrosanitario e di quello elettrico, oltre al rifacimento delle piastrelle oppure allo spostamento di muri si tratta di lavori di manutenzione straordinaria, mentre gli interventi di manutenzione ordinaria non possono accedere alle detrazioni fiscali ristrutturazione bagno, se si tratta quindi di singoli interventi quali la sostituzione dei rubinetti, la tinteggiatura oppure esclusivamente il rifacimento delle piastrelle non si ha accesso al bonus. Ulteriori notizie su Ristrutturazione casa costo: quando è possibile applicare il bonus.

Pubblicità