Sconti fiscali Confedilizia

Sconti fiscali Confedilizia quali sono

La legge di Stabilità 2016 ha segnalato una serie di sconti fiscali sul fronte immobiliare che sono stati raccolti da Confedilizia in alcuni punti essenziali quali: ecobonus, agevolazioni per la sicurezza antisismica, acquisto di mobili. Per le ristrutturazioni vengono ripristinate le detrazioni Irpef al 50% anche per il 2016, a patto che la spesa non superi il tetto massimo di 96.000 euro; questo genere di interventi subirà una riduzione nel corso del 2017 con detrazioni Irpef pari al 36%  per un tetto massimo di 48.000 euro. rientrano in questo genere di interventi quelli di restauro e di risanamento conservativo, ma anche la manutenzione straordinaria e la ristrutturazione edilizia per le unità immobiliari singole e gli spazi comuni dei condomini. Sono previsti poi sconti fiscali anche per la realizzazione di posti auto pertinenziali oppure per la costruzione di autorimesse, ma anche per i lavori di cablatura degli edifici, eliminazione delle barriere architettoniche, le agevolazioni fiscali sono state fissate anche nel caso in cui vengano eseguiti lavori bonifica dall’amianto. Rientrano inoltre in questa serie di agevolazioni quegli interventi finalizzati a prevenire atti illeciti oppure ad evitare infortuni nell’ambito domestico. Per maggiori informazioni Ristrutturazione agevolazioni 2016.

Benefici fiscali sull’arredo

sconti fiscali Confedilizia

sconti fiscali Confedilizia

Per tutto il 2016 quindi le detrazioni Irpef pari al 50% sono relative ad un massimo di spesa di 10.000 euro nel caso in cui  si acquistano mobili oppure grandi elettrodomestici compresi nella classe energetica A+ o superiore, oppure di classe A nel caso esclusivo di forni, la condizione sine qua non valida per le detrazioni se si effettuano acquisti relativi all’arredo interno è quello di destinare i mobili ad una casa soggetta a ristrutturazione; possono inoltre beneficiare del bonus mobili con detrazione del 50% le giovani coppie oppure i conviventi da almeno tre anni in cui uno dei due non ha un’età superiore ai 35 anni, a patto che acquistano una casa, l’attribuzione delle  agevolazioni che riguardano il bonus mobili possono coprire una spesa massima di 16.000 euro. Altre notizie utili si trovano su Ristrutturazione prima casa e contributi regionali.

Pubblicità