Spese ristrutturazione casa: le detrazioni

Spese ristrutturazione casa detratte dalla dichiarazione dei redditi

I cittadini italiani possono beneficiare di una serie di incentivi legati alle spese ristrutturazione casa che possono essere detratte direttamente dalla stessa dichiarazione dei redditi, ma per potersi avvalere del bonus ristrutturazioni è necessario rispettare degli specifici requisiti e presentare i documenti necessari. Le agevolazioni di tipo fiscale possono quindi essere richieste da tutti i soggetti che hanno sostenuto le spese per effettuare i lavori di ristrutturazione e sono titolari di diritti di proprietà e diritti reali sugli immobili, ma possono avere diritto alle detrazioni Irpef anche i familiari a carico conviventi oppure assegnatari in caso di separazione e non proprietari dell’immobile, le agevolazioni interessano anche i parenti entro il secondo ed i terzo grado di parentela possono usufruire del bonus ristrutturazioni anche i comodatari, i nudi proprietari oppure i titolari del diritto di uso oppure di usufrutto del bene. Per maggiori notizie sull’argomento si rimanda alla lettura dell’articolo Ristrutturazione casa costo: quando è possibile applicare il bonus.

Le spese di ristrutturazioni soggette a detrazioni fiscali Irpef

spese ristrutturazione casa

spese ristrutturazione casa

Chi decide di avviare dei lavori che hanno lo scopo di ristrutturare un immobile ad uso abitativo potrà dunque beneficiare di una serie di agevolazioni fiscali relative ai lavori di manutenzione straordinaria, inoltre è possibile ottenere degli sgravi fiscali anche in relazione ad alcuni lavori ordinari, oppure se si eseguono dei lavori di restauro che interessano parti comuni di beni immobiliari ad uso abitativo. Il bonus ristrutturazioni prevede quindi lavori di manutenzione, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, nello specifico rientrano in questo elenco diversi interventi intrapresi su beni immobili colpiti da eventi calamità naturali quali alluvioni o terremoti per adottare le vigenti misure antisismiche; si possono inoltre ottenere delle agevolazioni fiscali anche se si eseguono dei lavori edilizi per eliminare barriere architettoniche, o per effettuare operazioni che mirano a ridurre l’inquinamento acustico, per realizzare sistemi antifurto o per la cablatura degli edifici. Ulteriori informazioni si trovano su Bonus ristrutturazione casa ed adeguamento antisismico.

Pubblicità