Spese ristrutturazione casa: quote annuali detrazione

Spese ristrutturazione casa: quote annuali detrazione

Un esito positivo sul fronte delle spese ristrutturazione casa è stato ottenuto per il 2015 dal momento che il governo ha optato per la proroga, per un anno ancora, della maggiore parte delle detrazioni Irpef relative alla ristrutturazione immobiliare. A partire dal 2012 questo genere di agevolazione è diventata stabile, da quanto previsto poi dal decreto legge n. 201/2011 per cui è una voce che fa parte degli oneri detraibili dall’Irpef. Secondo quanto riportato dalla Legge di Stabilità 2015 (legge n. 190 del 23 dicembre 2014) fino al 31 dicembre 2015 il contribuente italiano ha la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef (50%) su un limite massimo di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare; inoltre è stata prorogata la detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ che vengono acquistati per completare l’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione per poter ottenere l’agevolazione, le spese sostenute devono però essere documentate in maniera chiara per favorirne la rintracciabilità. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Bonus ristrutturazione casa: cosa c’è da sapere.

Le quote della ripartizione della detrazione Irpef

spese ristrutturazione casa

spese ristrutturazione casa

Va precisato comunque che indipendentemente dall’entità della spesa sostenuta per ristrutturare casa, la specifica detrazione deve essere calcolata su un ammontare complessivo che non deve risultare superiore a 10.000 euro da ripartire in 10 rate annuali di pari importo, tale obbligo a partire dal 2012 non è più previsto per i contribuenti più avanti con l’età, di fatto coloro che hanno 75 anni e 80 anni vengono interessati da una differente ripartizione: la detrazione viene scandita rispettivamente in 5 o 3 quote annuali. Si ha quindi il diritto a detrarre annualmente la quota spettante nei limiti dell’Irpef da versare nell’anno in questione per cui non si possono ottenere come rimborso di somme eccedenti l’imposta. Ulteriori notizie utili sull’argomento si trovano su Spese ristrutturazione casa: le detrazioni.

Pubblicità